Maria e gli ultimi tempi - Milizia dell'Immacolata di Sicilia

Milizia dell'Immacolata di Sicilia
Vai ai contenuti

Maria e gli ultimi tempi

Scritti > Testi di S. Massimiliano Maria Kolbe > Maria Immacolata
«Chi è costei che sorge come l’aurora,

bella come la luna,

fulgida come il sole,

terribile come schiere e vessilli spiegati?»


(Cantico dei Cantici 6,10)


"Dio ha fatto e preparato una sola, irreconciliabile inimicizia, che durerà e crescerà sino alla fine: l’inimicizia tra Maria, Sua degna Madre, e il diavolo; tra i figli e servi di Maria Vergine e i figli e aderenti di Lucifero; a tal segno che la nemica più terribile del diavolo che Dio abbia mai creata, è Maria, Sua santa Madre. Sin dal paradiso terrestre – quantunque Lei non fosse ancora che nella Sua idea – il Signore Le ispirò tanto odio contro quel maledetto nemico di Dio, e le diede tanta abilità per scoprire la malizia di quell’antico serpente, tanta forza per vincere, abbattere e schiacciare quell’empio orgoglioso, che il demonio la teme, non soltanto più di tutti gli Angeli e gli uomini, ma, in un certo qual senso, più di Dio stesso.

Dio, dopo aver voluto incominciare e terminare le Sue più grandi opere per mezzo della Vergine Maria fin dal momento in cui l’ha plasmata, c’è da credere che non cambierà metodo mai più.
Dio Spirito Santo ha comunicato a Maria, Sua fedele Sposa, i suoi doni inesprimibili. L’ha scelta quale dispensatrice di tutto ciò che possiede; di modo che Ella distribuisce a chi vuole, quanto vuole, come vuole e quando vuole, tutti i doni e le grazie dello Spirito Santo. Nessun dono del cielo è concesso agli uomini che non passi per le mani verginali di Lei.
Maria deve risplendere più che mai in questi ultimi tempi in misericordia, in forza e in grazia. In misericordia , per ricondurre ed accogliere amorevolmente i poveri peccatori e traviati che si convertiranno e ritorneranno alla Chiesa cattolica; in forza, contro i nemici di Dio e gli empi induriti che si ribelleranno in modo terribile per sedurre e far cadere, con promesse e minacce, tutti quelli che saranno loro contrari; e in fine deve risplendere in grazia, per animare e sostenere i prodi soldati e fedeli servi di Gesù Cristo, che combatteranno per i Suoi interessi.

Di conseguenza Ella compirà anche le più grandi meraviglie degli ultimi tempi. La formazione e l’educazione dei grandi santi, che vivranno verso la fine del mondo, sono riservate a Lei, perché soltanto questa Vergine singolare e miracolosa può produrre, insieme allo Spirito Santo, le cose singolari e straordinarie.

Ma chi saranno questi servi, schiavi e figli di Maria?

Saranno veri apostoli degli ultimi tempi.

Ad essi il Signore degli eserciti darà la parola e la forza per operare meraviglie e riportare gloriose vittorie sui suoi nemici. Queste anime grandi, piene di grazia e di zelo, saranno prescelte da Dio perché combattano i suoi nemici frementi da ogni parte. Avranno una particolare devozione alla Vergine e saranno rischiarate dalla sua luce, nutrite del suo cibo, guidate dal suo spirito, sostenute dalla sua forza, difese dalla sua protezione, di modo che combatteranno con una mano e costruiranno con l’altra. Con una mano combatteranno , rovesceranno, schiacceranno le eresie, gli scismi, le idolatrie, le empietà; con l’altra edificheranno il tempio del vero Salomone e la mistica città di Dio, cioè Maria SS., che i Padri chiamano precisamente Tempio di Salomone e Città di Dio. Con le loro parole e i loro esempi porteranno a tutti la vera devozione alla Vergine, e ciò attirerà loro molti nemici, ma anche molte vittorie e molta gloria per Dio solo.

Infine, sappiamo che saranno veri discepoli di Gesù Cristo.

Seguendo le orme della sua povertà, umiltà, disprezzo del mondo e carità, insegneranno la via stretta di Dio nella pura verità, secondo il santo Vangelo, e non secondo i canoni del mondo; senza soggezione di nessuno e senza guardare in faccia ad alcuno; senza risparmiare, ascoltare o temere alcun mortale, per potente che sia.

Avranno in bocca la spada a due tagli della parola di Dio e porteranno sulle spalle lo stendardo insanguinato della Croce, il crocifisso nella mano destra, la corona nella sinistra, i sacri nomi di Gesù e Maria nel cuore, la modestia e la mortificazione di Gesù Cristo in tutta la loro condotta.

Ecco i grandi uomini che verranno e che Maria formerà per ordine dell’Altissimo, a fine di estendere il suo dominio sopra quello degli empi e degli idolatri. Ma quando avverrà tutto questo? … Dio solo lo sa. Compito nostro è di tacere, pregare, sospirare e attendere: «Ho sperato; ho sperato nel Signore». (Trattato della Vera Devozione a Maria di S. Luigi M. Grignon de Monfort)

Profetizza infine San Massimiliano Kolbe:

"Viviamo in un'epoca che potrebbe essere chiamata l'inizio dell'era dell'Immacolata ...sotto il suo vessillo si combatterà una grande battaglia e noi inalberemo le Sue bandiere sulle fortezze del re delle tenebre. L'Immacolata diverrà la Regina del mondo intero e di ogni singola anima, come la Beata Caterina Labourè prevedeva...Scompariranno allora le lotte di classe e l'umanità si avvicinerà, per quanto possibile, su questa terra alla felicità, ad un anticipo di quella felicità verso la quale ognuno di noi tende naturalmente, alla felicità senza limiti in Dio, in Paradiso. In effetti, quando ciò avverrà la terra diventerà un paradiso. La pace e la felicità vera entreranno nelle famiglie, nelle città, nei villaggi e nelle nazioni dell'intera società umana, poichè dove Ella regnerà, faranno la loro apparizioni anche le grazie della conversione, della santificazione e della felicità ... L'Immacolata sarà, anzi dovrà essere riconosciutta regina di tutti e di ogni singola persona in Polonia e nel mondo intero, e la più presto possibile; ecco la nostra parola d'ordine, per la quale torna conto vivere, lavorare, soffrire e morire"

 
Torna ai contenuti