La consacrazione a Maria Immacolata - Milizia dell'Immacolata di Sicilia

Milizia Dell'Immacolata di Sicilia

Vai ai contenuti

La consacrazione a Maria Immacolata

consacrazione


Consacrati a Lei illimitatamente … non abbiamo diritto né a pensieri, né ad azioni, né a parole nostre. Ella ci governi dispoticamente. Si degni benevolmente di non rispettare la nostra libera volontà e, qualora noi volessimo in qualsiasi cosa svincolarci dalla sua mano immacolata, ci costringa. (SK 373)

Ella è lo strumento più perfetto nelle mani di Dio, mentre noi, da parte nostra, dobbiamo essere degli strumenti nelle sue mani immacolate. Quando perciò debelleremo nel modo più rapido e più perfetto il male nel mondo intero? Ciò avverrà allorché ci lasceremo guidare da Lei nella maniera più perfetta. E questo il problema più importante ed unico. (SK 1160)


SOLENNE CONSACRAZIONE ALL'IMMACOLATA (composta da san Massimiliano)


O Immacolata, Regina del cielo e della terra, Rifugio dei peccatori e Madre nostra amorosissima, Cui Dio volle affidare l'intera economia della misericordia, io, indegno peccatore, mi prostro ai tuoi piedi, supplicandoTi umilmente  di volermi accettare tutto e completamente come cosa e proprietà Tua, e di fare ciò che Ti piace di me e di tutte le facoltà della mia anima e del mio corpo, di tutta la mia vita, morte ed eternità. Disponi pure, se vuoi, di tutto me stesso, senza alcuna riserva, per compiere ciò che è stato detto di Te:
"Ella ti schiaccerà il capo" (Gn 3,15), come pure: "Tu sola hai distrutto tutte le eresie sul mondo intero" (Lit.), affinché nelle Tue mani immacolate e misericordiosissime io divenga uno strumento  utile per innestare e incrementare il più fortemente possibile la Tua gloria in tante anime smarrite e indifferenti e per estendere in tal modo, quanto più è possibile, il benedetto regno del SS. Cuore di Gesù.
Dove Tu entri, infatti, ottieni la grazia della conversione e santificazione, poichè ogni grazia scorre, attraverso le Tue mani, dal Cuore dolcissimo di Gesù fino a noi.

V. Concedimi di lodarTi , o Vergine santissima.
R. Dammi forza contro i Tuoi nemici.
Ma... come si fa la consacrazione a Maria?
E' molto semplice !
Prima di tutto devi comprendere bene che cosa significa "consacrazione a Maria": significa affidarsi a lei e consegnarle gli «ingredienti» della nostra vita (il nostro cuore, la nostra volontà, i nostri pensieri...) affinchè Ella li fonda nella Volontà di Dio e ci plasmi a immagine di Gesù.

Poi, facendo attenzione alle parole che diciamo, pronunciamo questa semplice formula:
Sono tutto tuo e tutto ciò che è mio è tuo
Ti accolgo con tutto me stesso Dammi il tuo cuore, o Maria!

E come si vive durante la giornata la consacrazione a Maria?
Devi impegnarti, con attenzione e gioia, a fare tutte le tue azioni per mezzo di Maria, con Maria, in Maria e per Maria: ma che cosa vuole dire tutto questo? Fare tutto per mezzo di Maria significa lasciarsi prendere per mano da Maria, e lasciarsi ispirare da lei, che certamente suggerirà al nostro cuore quello che dobbiamo fare e come lo dobbiamo fare; se poi ti ricordi di ripetere spesso: «Maria, cara Madre, desidero fare quello che piace a te», il tuo cuore progredirà in fretta nell'amore per Maria e per Gesù!
Fare tutto con Maria significa guardare a Maria come al nostro meraviglioso modello e chiedersi, prima di compiere un'azione: «Come l'avrebbe fatta Maria? Che cosa farebbe al mio posto?» ... e cercare di imitare le sue meravigliose virtù, specialmente la sua fede, la sua umiltà e la sua purezza. Fare tutto in Maria significa una cosa meravigliosa! Gesù, nei mesi che precedettero la sua nascita, «abitò» in Maria, vicino al suo Cuore Immacolato, e in questa dimora trovò il suo Paradiso Terrestre! Anche tu chiedi a Maria di essere accolto nel suo Cuore Immacolato, e di potervi abitare! Allora vivrai in una fortezza sicura e invincibile! Fare tutto per Maria infine significa comportarsi come quei servi fedeli che fanno di tutto per onorare la loroRegina!Dunque fare tutto perMaria significa difenderla quando viene disprezzata e derisa, pregarla e lodarla (specialmente con il Santo Rosario!), e cercare di farla conoscere e amare.

Ma non è difficile tutto questo?
Sì, sarebbe molto difficile fare tutto questo con le sole proprie forze. Ma tu hai un'alleata al tuo fianco. Sai chi è ? E' proprio la Madonna, che vuole aiutarti in questo cammino di santità! Perchè la Madonna non è soltanto la graziosa statuetta che ammiriamo nel presepe... è una perosna viva, attenta e sempre "al lavoro" per il bene dei suoi figli! Anche se non la vedi, la Madonna è certamente al tuo fianco. Se anche non ti appare e non ti parla come ha fatto con i Pastorelli di Fatima, è però certo che depone nel tuo cuore tante buone ispirazioni, ti aiuta con tante grazie e, quando la interroghi, ti fa capire sempre che cosa è bene fare. Prova....
La consacrazione a Maria scaturisce dal testamento di Cristo crocifisso: "Donna ecco il tuo figlio! Figlio, ecco la tua madre l" (Gv 19,26-27). Ci consacriamo a Maria perché Cristo l'ha lasciata a noi come Madre. A ciascuno Egli ripete fin dalbattesimo:"Ecco tua Madre!".Comel'apostolo Giovanni che "la prese con sé", noi l'accogliamo insieme agli altri doni che Cristo ci ha lasciato: la Parola, l'Eucarestia, lo Spirito Santo, la Grazia e le chiediamo di camminare con noi per testimoniare il Vangelo nella vita quotidiana. "Voglio essere tutto tuo,Maria!" è stato il motto del pontificato di Giovanni PaoloIl, il quale così si rivolge ai giovani in occasione della XVIII giornata mondiale della gioventù: «Oggi è a voi che Cristo chiede espressamente di prendere Maria "nella vostra casa", di accoglierla "tra i vostri beni" per imparare da Lei, che "serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore"(Le 2,19), la disposizione interiore all'ascolto e l'atteggiamento di umiltà e di generosità che la contraddistinsero come prima collaboratrice di Dio nell'opera della salvezza. È Lei che, svolgendo il suo ministero materno, vi educa e vi modella fino a che Cristo non sia formato in voi pienamente». «Non si tratta solo di imparare le cose che Egli ha insegnato, ma di "imparare Lui" . Ma quale maestra, in questo, più esperta di Maria? Se sul versante divino è lo Spirito il Maestro interiore che ci porta alla piena verità di Cristo(cfr Ov 14,26; 15,26; 16,13), tra gli esseri umani, nessuno meglio di Lei conosce Cristo, nessuno come la Madre può introdurci a una conoscenza profonda del suo mistero. La consacrazione a Maria si caratterizza per due atteggiamenti di fondo:la fiducia e l'offerta . la fiducia in Maria perché crediamo al suo amore e alla sua missione di Madre; la sentiamo figura e compimento di quello che anche noi saremo. Da qui scaturisce l'offerta: riconoscendo la specificità della sua mediazione materna, ci affidiamo alla sua azione,sapendo che nelle sue mani, nulla andrà perduto.
Che cosa offriamo a Maria?
Quello che siamo: Il nostro spirito con le sue aspirazioni; la nostra mente con i suoi pensieri, intuizioni, angosce e desideri, il nostro corpo con tutte le sue facoltà e sofferenze, il nostro cuore con tutti i suoi affetti, i sentimenti, la capacità di amare e di donare.
Quello che facciamo:
ogni azione,ogni parola,ogni gesto, il lavoro. Spesso ci sembrerà di non avere nulla da offrire a Maria perché sentiremo tutta la realtà dei nostri limiti umani e spirituali; l'incapacità di compiere il bene che vorremmo; il peso del nostro peccato...ma è proprio questo che dobbiamo mettere nel cuore e nelle mani di Maria. Lei prende tutto di noi, lo arricchisce dei suoi meriti e lo offre al Padre come fosse suo. Imitare Maria: questo è il primo passo che scaturisce dalla consacrazione a Lei e che giorno dopo giorno dà spazio in noi al volto di Cristo e ci rende suoi testimoni.
Come si vive la consacrazione a Maria?
La consacrazione deve essere un atto libero e cosciente, accettato e vissuto come un dono. Per prepararsi efficacemente a compiere questo atto, è bene conoscere ciò che la Chiesa i nsegna sulla Madre di Dlo,  e approfondire, con l'aiuto di qualche testo adatto, il significato di tale consacrazione.

 

Rito di  Consacrazione  formato  A4 PDF  o  formato A5 PDF

La Pergamena  in ricordo della consacrazione  editabile  
Torna ai contenuti