Consacrazione - Milizia dell'Immacolata di Sicilia

Milizia Dell'Immacolata di Sicilia

Vai ai contenuti

Consacrazione

Scritti > Testi
         
CONSACRAZIONE….essere figli, schiavi, proprietà, cosa, tutto
  
            
         
L’associazione è   innanzitutto “I”, vale a dire Immaculatae, dell’Immacolata.  … Essere   Suoi senza alcuna costrizione, irrevocabilmente, per sempre. E divenire suoi   sempre più, in modo sempre più perfetto, farsi simili a Lei, unirsi a Lei,   divenire in certo qual modo Lei stessa, affinché Ella prenda sempre più   possesso della nostra anima, si impadronisca totalmente di essa, e in essa e   per mezzo di essa Ella medesima pensi, parli, ami Dio e il prossimo ed   agisca. Ecco l’ideale: divenire Suoi, dell’Immacolata. (SK1211) Di Lei   desideriamo essere figli, servi, schiavi d’amore, cosa e proprietà, strumenti   docili a tutto ciò che in ogni tempo l’amore verso di Lei suggerisce al cuore   di qualsiasi persona che ama.(SK 1327)
Amala, quale madre, con tutta la tua dedizione. Ella ti renderà simile a Lei,   ti renderà sempre più immacolato, ti aiuterà con tutta la Sua grazia.   Lasciati guidare da Lei, lasciati plasmare. (SK 1334)
  
  
Sappiamo degli ossessi, indemoniati,   per i quali il diavolo pensava, urlava, agiva. Noi vogliamo essere così e più   ancora, illimitatamente ossessi di Essa, che Essa stessa pensi, parli, agisca   per mezzo di noi. Vogliamo essere fino a quel punto dell’Immacolata che non   soltanto non rimanga niente in noi che non sia di Essa, ma che diventiamo   quasi annientati in Essa, cambiati in Essa, transustanziati in Essa … Essa è   di Dio fino a diventare Sua madre e noi vogliamo diventare la madre che   partorisca in tutti i cuori che sono e saranno l’Immacolata. (SK 508)

     
  
Consacrati a Lei   illimitatamente … non abbiamo diritto né a pensieri, né ad azioni, né a   parole nostre. Ella ci governi dispoticamente. Si degni benevolmente di non   rispettare la nostra libera volontà e, qualora noi volessimo in qualsiasi   cosa svincolarci dalla sua mano immacolata, ci costringa. (SK 373)

  

  
Ella è lo strumento più perfetto nelle mani di Dio, mentre noi, da parte   nostra, dobbiamo essere degli strumenti nelle sue mani immacolate. Quando   perciò debelleremo nel modo più rapido e più perfetto il male nel mondo   intero? Ciò avverrà allorché ci lasceremo guidare da Lei nella maniera più   perfetta. E questo il problema più importante ed unico. (SK 1160)

  
… permettiamo a lei di fare in noi e per mezzo nostro qualunque cosa   desidera. Ella compirà sicuramente miracoli di grazia. Un’anima che è   effettivamente consacrata all’Immacolata fino a questo punto non può non   esercitare un influsso sull’ambiente che la circonda, anche senza esserne   consapevole. Essa tuttavia non si accontenta di questo, ma compie ogni sforzo   possibile per guadagnare anche altri all’Immacolata, affinché anche altri   divengano come Lei.

  
Noi viviamo, lavoriamo, soffriamo e bramiamo morire per Lei e con tutta   l’anima, in tutti i modi, con tutte le invenzioni. Desideriamo innestare   questa idea fissa in tutti i cuori. (SK326). Quando il fuoco dell’amore si   accende, non può trovare posto nei limiti del cuore, ma divampa al di fuori   ed incendia, divora, assorbe altri cuori. Conquista anime sempre più numerose   al proprio ideale, all’Immacolata. La M.I. pone l’accento su questo amore che   si spinge sino a conquistare i cuori di tutti coloro che vivono al presente e   che vivranno in avvenire; e ciò al più presto possibile, al più presto   possibile, al più presto possibile. (SK1325

  
    
Torna ai contenuti