Scheda 1069 - Milizia dell'Immacolata di Sicilia

Vai ai contenuti

SK 1069 - Una nuova era Rycerz Niepokalanej, IX 1924, p. 169-170  

Dio esiste da sempre... senza principio, in eterno... senza fine.  Egli ha creato l'universo e in un determinato momento ha chiamato l'uomo all'esistenza.  L'uomo ha commesso un peccato di disobbedienza nei confronti del Creatore; condannato alla morte, ma solo ad una morte temporanea, lascia il paradiso terrestre, per tendere a quello celeste attraverso la sofferenza e un duro lavoro.  Fin da quel momento Dio promette un Redentore e una Corredentrice dicendo: “Porrò inimicizia tra se (serpente, satana) e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: Ella ti schiaccerà la testa” (Gen 3, 15).  Sono trascorsi anni, decine, centinaia e migliaia di anni, ma l'umanità, tramandandosi questa promessa di generazione in generazione, ha atteso con ansia il momento benedetto, il momento della misericordia.  E finalmente scoccò l'ora stabilita da secoli.  Brillò l'alba che annunziò il sole vicino: nella cittadina palestinese di Nazaret, situata sul pendio di un'altura fra il lago di Galilea e il Monte Tabor, nasce Maria: la futura Madre dell'Uomo-Dio.  Quel giorno, il cui ricordo noi festeggiamo appunto il giorno 8 di questo mese, fu l'inizio di una nuova era.  Non ci saranno più i severi castighi dell'antico Testamento, il timore cederà il posto all'amore, la creatura redenta, anche se per disgrazia si renderà colpevole, si riconcilierà facilmente con il Creatore, poiché possiede per sempre la più misericordiosa e potente Mediatrice, la quale non è capace di abbandonarlo, e alla quale Dio, suo vero Figlio, non può rifiutare nulla.  Le singole persone, come pure interi popoli, si sono allontanati talvolta da Dio, ma non appena han fatto ricorso a Lei con fervore, in breve tempo hanno sperimentato in loro stessi la pace e la felicità.  Anche oggi una inondazione di immoralità e, di conseguenza, di incredulità dilaga nelle nostre città e nei nostri paesi.  Osservando il male che si espande ovunque, talvolta lo scoraggiamento invade l'anima.  Dove si arriverà?...  Che cosa sarà fra qualche anno?...  Si vorrebbe penetrare con lo sguardo il futuro, per vedere se in esso brillerà ancora la luce...  Gente di poca fede, perché il dubbio penetra furtivamente nel vostro cuore?  Accendete ovunque l'amore e la fiducia verso Maria Immacolata e ben presto vedrete sgorgare dagli occhi dei peccatori più induriti le lacrime, svuotarsi le carceri, aumentare le schiere dei lavoratori onesti, mentre i focolari domestici profumeranno di virtù, la pace e la felicità distruggeranno la discordia e il dolore, poiché c'è ormai una nuova era.    Rycerz Niepokalanej
Torna ai contenuti