Scheda Kolbe 1007 - Milizia dell'Immacolata di Sicilia

Vai ai contenuti

SK 1007 - La prima condizione Rycerz Niepokalanej, V 1922, p. 102

Lo scopo della M.I. è così difficile da conseguire che, se si facesse affidamento solo sull'energia, sull'attività e sullo sforzo provenienti dalla natura, si dovrebbe giustamente dubitare della possibilità di raggiungerlo. L'esperienza quotidiana, infatti, ci insegna che i nemici della Chiesa hanno mezzi naturali più abbondanti e sovente, secondo le parole di Cristo, sono più scaltri dei figli della luce [cf. Lc 16, 8]. Inoltre, per ottenere la conversione e la santificazione è necessaria la grazia, mentre la natura corrotta è incline già per sé stessa verso il peccato. Di conseguenza, si può contare soltanto su un aiuto dall'alto. E in questo campo l'aiuto più facile e più sicuro è, per volere di Dio, la Ss. Vergine Maria. A Lei la s. Chiesa applica le parole della sacra Scrittura: “Ella ti schiaccerà il capo” [Gen 3, 15] (ossia quello del serpente infernale), e di Lei canta: “Tutte le eresie Tu sola hai distrutto nel mondo intero” [ufficio della B.V.M.]. “Tutte”, dunque senza alcuna eccezione; “le eresie”, dunque non gli eretici, poiché questi Ella li ama; “Tu sola”, dunque Ella basterà; “hai distrutto”, dunque non le indebolisce soltanto, e questo avviene sull'intero globo terrestre. Il “capo” delle svariatissime membra del drago infernale è senza dubbio, nei nostri tempi, la massoneria. Ed Ella schiaccerà questo capo. Inoltre, la storia ci insegna che non è quasi mai avvenuta una conversione senza una presenza particolarmente evidente della mano di Maria; tutti i santi hanno nutrito una devozione particolare verso di Lei, mentre il Pontefice Leone XIII afferma in un'enciclica sul rosario ([Octobri mense,] 22 settembre 1891): “Si può affermare che, per divina disposizione, nulla ci può essere comunicato dell'infinito tesoro di grazia... se non per mezzo di Maria. Di modo che, come nessuno può accostarsi al Padre supremo se non per mezzo del Figlio, così ordinariamente nessuno può accostarsi a Cristo, se non per mezzo della sua Madre”. Possiamo, dunque, accingerci al lavoro per conseguire lo scopo della Milizia dell'Immacolata in un modo diverso da quello di consacrarci senza riserve, totalmente e per sempre alla Ss. Vergine Maria Immacolata, come strumenti nelle sue mani immacolate, affinché Ella stessa si degni di agire in noi e per mezzo nostro? Una consacrazione di questo genere, dunque, costituisce l'essenza della M.I.




Torna ai contenuti