Scheda 936 - Milizia dell'Immacolata di Sicilia

Vai ai contenuti

Menu principale:


SK 936 - A fr. Celestino Moszylski Niepokalanòw, 16 I 1941

 
Maria!   Caro Figlio!  Rispondo con ritardo, poiché ho molto lavoro.  E forse questa lettera dovrà cercarti nuovamente fino a Nagasaki1.  Lasciamo operare la Provvidenza divina.  L'Immacolata è al corrente di tutto e ogni cosa è preordinata ad un maggior bene delle anime. Molti che in precedenza, mentre nuotavano nell'abbondanza, non pensavano all'eternità, ora che son diventati poveri, si preoccupano di più della loro anima.  La vita su questa terra non è lunga.  Si tratta soltanto di disporsi bene all'eternità.  Anche tutto questo granello di polvere in mezzo all'universo, che si chiama terra, avrà un suo termine insieme con tutti i problemi, compresi quelli più importanti.  Lasciamoci condurre dall'Immacolata e aiutiamo le anime a conoscerLa e ad amarLa, affinché un numero di cuori sempre maggiore si unisca, mediante l'amore, sempre più strettamente a Lei e, attraverso Lei, al ss. Cuore divino.  Sono assai contento che l'Immacolata, per mezzo tuo, abbia aiutato tanti ammalati a trovare la via della verità e della felicità in Dio.  Ti raccomando all'Immacolata e ti chiedo una preghiera.  fr. Massimiliano M. Kolbe    

 
Nota 936.1 Non conoscendo l'indirizzo preciso di fr. Celestino, p. Massimiliano aveva scritto sulla busta della lettera due indirizzi: “27 Grand Prospect, Harbin, Marianie Manchukuo” e “Mugenzai no Sono, Nagasaki, Hongochi, Nippon”. Fr. Celestino si trasferì definitivamente a Harbin nel 1943, dove morì di tifo il 5 XII 1945.  
Torna ai contenuti | Torna al menu