Scheda 757 - Milizia dell'Immacolata di Sicilia

Vai ai contenuti

Menu principale:


SK 757 - Ai fratelli giapponesi, Nagasaki Niepokalanòw, 4 XI 1937

Maria!   Miei cari Figli!  L'Immacolata vi ricompensi generosamente per le ardenti preghiere e per le s. Comunioni fatte nel giorno del mio onomastico.  Voi mi siete particolarmente cari, per il fatto che l'Immacolata è stata così buona da concedermi la grazia di soffrire un po' per Lei pur di giungere fino a voi nell'altra estremità dell'Asia e trascinarvi a Lei.  Sono molto contento nel sentire che il vostro numero si accresce1 e vi auguro di vero cuore che tale numero superi quello dei fratelli della Niepokalanów polacca, dato che il Giappone è una nazione più grande della Polonia.  Vi auguro di avvicinarvi ogni giorno, ogni istante di più all'Immacolata, di conoscerLa sempre più perfettamente, di amarLa sempre di più, di lasciarvi compenetrare sempre di più dei Suoi pensieri, dei Suoi sentimenti, delle Sue intenzioni, del Suo amore per Gesù nel presepio, nella casetta di Nazaret, sulla Croce, nell'Eucaristia e in paradiso; in una parola, vi auguro di rendervi sempre più simili all'Immacolata e di diventare sempre più - come Lei - immacolati, in modo che le macchie dei peccati e delle imperfezioni diminuiscano sempre più di intensità e di numero. Miei cari Figli, amateLa quanto sapete, rivolgendovi spesso a Lei nella preghiera, soprattutto con brevi giaculatorie (“Maria” o altre) e offrendo a Lei le vostre piccole croci, le sofferenze, le umiliazioni, le difficoltà, i dispiaceri e lasciandovi condurre da Lei in tutto ciò che Ella vorrà attraverso l'obbedienza religiosa e che permetterà attraverso ciò che non dipende da noi.  Come sarà dolce la morte di colui che sarà stato davvero proprietà di Lei nella vita pratica e non soltanto nella teoria, nella ripetizione dell'atto di consacrazione! Allora sarete in grado di operare molto per la felicità delle anime dei vostri connazionali, perché non sarete voi a pregare, a soffrire e a lavorare, ma Lei stessa in voi e per mezzo vostro.  Vi raccomando all'amorevole protezione dell'Immacolata.  Vostro nell'Immacolata e nel Padre s. Francesco.    fr. Massimiliano M. Kolbe     

Nota 757.1 A quel tempo il numero dei fratelli di Mugenzai no Sono era salito a 28: 20 polacchi, 8 giapponesi. Verso la fine del 1937 il numero complessivo degli abitanti di Mugenzai no Sono (padri, fratelli e seminaristi) era di 78 - cf. RN 17 (1938) 82-5.  
Torna ai contenuti | Torna al menu