Scheda 509 - Milizia dell'Immacolata di Sicilia

Vai ai contenuti

SK 509 - A Mugenzai no Sono Hong Kong, 13 IV 1933

Maria! Miei Cari,  Non ho fatto in tempo a spedire questa lettera da Shanghai, perciò aggiungo ancora qualcosa qui a Hong Kong.  La testa non mi funziona, mi duole, non ho dormito bene, perciò non scrivo molto.  Ho parlato con don Wieczorek riguardo ai fratelli1 che dovranno passare di qui.  Se non partirà da Hong Kong andrà a prenderli alla nave.  Don Siara non sta più a Hong Kong.  Pomeriggio.  Sono già stato da don Wieczorek e l'ho pregato di andare incontro al nostro quartetto, che arriverà qui il 25 IV, cioè fra 12 giorni.  Ho fatto un breve sonnellino, perciò la testa è un po' più fresca.  Solo adesso mi sono ricordato della richiesta di fr. Severino a proposito degli articoli di apertura.  Senza dubbio l'Immacolata stessa dirigerà le cose in modo tale che, se non arriverà nulla da parte mia, sarà bene ugualmente, anzi forse sarà anche meglio.  Mando l'articolo di apertura per giugno, ma non è troppo tardi?  Preghiamo affinché l'Immacolata divenga al più presto possibile... la Regina del mondo intero, perché ci sono ancora tanti pagani, tanti poveri peccatori.  Inoltre, con il Suo aiuto, ripetiamoLe che per Lei siamo disposti a tutto, ad ogni fatica, sofferenza, umiliazione, alla morte per fame2 o per qualche altra causa, ma solamente con il Suo aiuto, perché da soli noi non possiamo assolutamente far nulla.  Qualche volta mi preoccupo per voi, ma mi consolo pensando che l'Immacolata si ricorda di voi assai di più, senza paragone, di quanto io possa immaginare, mentre voi, da parte vostra, desiderate con tutto il cuore di lasciarvi condurre da Lei liberamente.  Sto pensando perché, invece di raccontare le vicende del viaggio, ritorno continuamente all'Immacolata e all'amore verso di Lei, ma voi, amatissimi Figli, mi comprendete, perché siete di questo medesimo spirito.  Carissimi Figli, nelle difficoltà, nelle tenebre, nelle debolezze, negli scoraggiamenti ricordiamoci che i paradiso... il paradiso... si sta avvicinando.  Ogni giorno che passa è un intero giorno in meno di attesa.  Coraggio, dunque! Ella ci attende di là per stringerci al Cuore.  Inoltre, non date retta al diavolo, qualora volesse farvi credere che il paradiso esiste, ma non per voi, perché, anche se aveste commesso tutti i peccati possibili, un solo atto di amore perfetto lava tutto al punto tale che non ci rimane neppure un'ombra.  Carissimi Figli, come desidererei dirvi, ripetervi quanto è buona l'Immacolata, per poter allontanare per sempre dai vostri piccoli cuori la tristezza, l'abbattimento interiore o lo scoraggiamento.  La sola invocazione “Maria”, magari con l'anima immersa nelle tenebre, nelle aridità e perfino nella disgrazia del peccato, quale eco produce nel Suo Cuore che tanto ci ama!  E quanto più l'anima è infelice, sprofondata nelle colpe, tanto più questo Rifugio di noi poveri peccatori la circonda di sollecita protezione.  Ma non affliggetevi mai se non sentite tale amore.  Se volete amare, questo è già un segno sicuro che state amando; ma si tratta solo di un amore che procede dalla volontà.  Anche il sentimento esteriore è frutto della grazia, ma non sempre esso segue immediatamente la volontà.  Vi potrà capitare, miei Cari, un pensiero, quasi una mesta nostalgia, una supplica, un lamento...: “Chissà se l'Immacolata mi ama ancora?”.  Figli amatissimi!  Lo dico a tutti insieme e a ciascuno in particolare nel Suo nome, notate bene, nel Suo nome: Ella ama ciascuno di voi, vi ama assai e in ogni momento senza alcuna eccezione.  
Questo, carissimi Figli, ve lo ripeto nel Suo Nome3.  E dite questa stessa cosa a quei quattro che giungeranno subito dopo la presente lettera.
Vostro    fr. Massimiliano M. Kolbe


Torna ai contenuti