LA CHIESA CATTOLICA PARASSITA DELLO STATO ITALIANO? - Milizia dell'Immacolata di Sicilia

Milizia Dell'Immacolata di Sicilia

Vai ai contenuti

LA CHIESA CATTOLICA PARASSITA DELLO STATO ITALIANO?

CHIESA
 
Ma chi l’ha detto che la Chiesa italiana campa con i soldi dello Stato? E’ una leggenda nera che a forza di essere ripetuta ha convinto anche troppo persone. La fandonia è felicemente smentita dal libro “L’impegno. Come la Chiesa italiana accompagna la società nella vita di ogni giorno”, che prova a fare i conti in modo più organico di come facciano i soliti pennivendoli laicisti, anche se necessariamente approssimativo.
 
Il primo servizio che la Chiesa italiana offre alla società è quello degli oratori, peraltro in piena espansione, valutato pari ad un valore di 200 milioni di euro.
Tocchiamo la cifra dei 300 milioni con le mense dei poveri e tutti i servizi di assistenza alla persone 650 milioni è il valore degli aiuti forniti dal banco alimentare. I fondi di solidarietà erogano appena 50 milioni ma sono un settore disgraziatamente in forte crescita a causa della crisi economica.
 
La parte del leone la fa la scuola paritaria e la formazione professionale cattolica, che  permettono allo Stato un eccezionale risparmio grazie ai minori sprechi e all’impegno del proprio personale. Questa infatti è la più grossa menzogna: che lo Stato spenda chissà quali cifre per mantenere la scuola cattolica! In realtà se gli alunni di questa affluissero di colpo nelle scuole pubbliche si avrebbe un improvviso aggravio di spesa per lo Stato di almeno 5 miliardi di euro! E lo stesso dicasi per le strutture sanitarie, anche se per una cifra più modesta (appena 1 miliardo) e le strutture di recupero dei tossicodipendenti (appena 800 milioni). Diversi sono poi gli impegni di spesa per emergenze di vario tipo (es: post-terremoto), assistenza agli emigrati/immigrati, la lotta all’usura etc.
 
La cifra finale è di 11 miliardi contro il miliardo che proviene dall’8permille e i due miliardi che vengono da enti locali e regioni. E allora? Nel cambio chi ci guadagna? E quanto vale il contributo indiretto che fra Papa, santuari e pellegrinaggi, dà la Chiesa al turismo? E alla formazione dei giovani? E ad altre mille cose “minori”? Sarà bene quindi che chi parla a sproposito della Chiesa si munisca di pallottoliere per fare meglio i conti e provi a gettare nella pattumiera gli slogan laicisti. Il libro edito da Rubettino è di Giuseppe Rusconi costa appena 12 €.
 

Torna ai contenuti