Ritiri Quaresimale del 10 e 17 marzo 2019 - Milizia dell'Immacolata di Sicilia

Milizia dell'Immacolata di Sicilia
Vai ai contenuti

Ritiri Quaresimale del 10 e 17 marzo 2019

Attivita
 
Come ogni anno, durante il periodo quaresimale, tempo forte della chiesa, la milizia organizza i ritiri quaresimali in tutte le macro - zone della  Sicilia. Per la zona della Sicilia Nord, in particolare, tutte le sedi palermitane, hanno svolto il loro ritiro, presso la casa diocesana  di Baida. Anche quest’anno la partecipazione dei militi è stata numerosa . Al primo ritiro, in cui erano presenti 10 sedi, il numero raggiunto era all’incirca di 85 ed al secondo, presenti 12 sedi compresi alcuni paesi limitrofi, 130 militi. Il tema trattato quest’anno è stato“ la perdita del senso del peccato e la penitenza”.




La riflessione è abitualmente affidata ad un sacerdote, e nel nostro caso, abbiamo avuto il piacere di ascoltare due francescani conventuali per ogni singolo ritiro: Padre Gaspare e Fra’ Luca. Le considerazioni sono state brillanti ed allo stesso tempo semplici e significative ! Non dimenticheremo più gli esempi concreti del  cerchio con tanti  altri cerchi  concentrici….. ed invitati a fare centro  oppure i diversi vasi  pieni d’acqua  che si intorbidiscono, e non; esempi visivi, che potrebbero sembrare scontati ma che, accompagnati da un profondo commento,  ci hanno dato la dimensione del peccato e la grandezza e misericordia di Dio . Le esposizioni hanno conquistato il cuore di tutti ma soprattutto  hanno  scavato dentro I’anima! I francescani hanno fatto centro! Ovvero, hanno rimesso Cristo al centro della nostra vita!

 
Altro momento forte e meditativo è stato quello conclusivo     dell’’Adorazione Eucaristica”. Si sono letti dei brani tratti dall’ “Imitazione di Cristo” e dagli scritti di Padre Kolbe intervallati da canti di adorazione a Dio. Nell’assemblea si respirava la comunione spirituale, si percepiva l’unione di un corpo mistico.   Ringraziamo la Santa Vergine per queste giornate di grazia che ci ha concesse!
Annamaria Chiarello

Torna ai contenuti