Incontro MI della Sicilia nord 17 ottobre2015 - Milizia dell'Immacolata di Sicilia

Milizia Dell'Immacolata di Sicilia

Vai ai contenuti

Incontro MI della Sicilia nord 17 ottobre2015

Attivita
 


 
Nella Basilica di S.Francesco, a Palermo , reggia dell’Immacolata, il 17 ottobre , la nostra Regina, ha radunato i consigli di 30 sedi delle provincie di Palermo e Trapani. La partecipazione è stata soddisfacente se si considera che diverse fraternità,  questa volta, sono state più intraprendenti negli spostamenti, nonostante la disastrata rete stradale siciliana,  proprio sullo stile di S. Massimiliano .
 
L’incontro si è svolto nella bella aula Sisto V, gremita  da militi con al collo la medaglia miracolosa , segno della nostra appartenenza a Maria; e Maria era con noi nel silenzio e nell’attenzione  che si è instaurata durante i canti, la preghiera, il filmato e l’esposizione delle due relazioni :  una, della coordinatrice delle due provincie  e l’altra, del segretario regionale .
 
La prima relazione parlava della famiglia Kolbe , come modello  e testimonianza di vita cristiana .  La relatrice è entrata tra le pareti domestiche  e ne ha colto la quotidianità, l’impegno lavorativo nei  laboratori artigianali tessili, la laboriosità dei coniugi,  il sacrificio giornaliero  di un lavoro  che dava la precedenza  alla  S. Messa per poi impegnarli dalle sei del mattino fino a sera .  Una vita certamente non facile, fatta di continui  successi  ed insuccessi economici, ma vissuta con l’accettazione e la fiducia nell’intervento della Provvidenza che certamente avrebbe risolto i  problemi  come spesso accadeva. Inoltre, vi era da parte dei coniugi,  il lavoro parrocchiale e l’impegno nel sociale per la difesa della classe più debole da parte di Giulio, padre di S. Massimiliano. Ma anche Marianna, la madre,  terziaria francescana, era infaticabile. Facendo la levatrice,  praticava già  la  consacrazione ai bambini appena nati.  Lo stile  di vita della famiglia in cui S. Massimiliamo ha vissuto era   francescano : semplice ed essenziale fondato sui valori. Su questa preziosa   eredità egli ha costruito tutta la sua opera. E’ seguito un filmato sulle origini e l’operato di S. Massimiliano in cui si evidenziava la sua originalità, novità e profezia; per il tempo  in cui è vissuto ed oltre.
 
La seconda relazione parlava della missionarietà di padre Kolbe :  esempio perfetto di evangelizzatore in ambienti cristiani e non, dove  porterà molto frutto. La sua attività era principalmente basata sulla testimonianza di vita dei frati di Niepokalanow in Polonia e Mugen Zai No Sono (giardino dell’Immacolata)in Giappone. Una evangelizzazione che conquistava i cuori e raggiungeva anche i più lontani  perché la Parola diventava concreta nei loro atteggiamenti e scelte di vita. Tutto ciò destava ammirazione e curiosità soprattutto in Giappone dove vi furono numerose conversioni e l’ordinazione di  nuovi frati che Padre Kolbe lasciò come missionari  a continuare la sua opera. Ancora oggi esce la rivista mensile del Cavaliere. Egli fu innovativo e profetico in quanto comprese che l’evangelizzazione sarebbe stata più efficace se  fatta da frati giapponesi che conoscevano usi e abitudini nipponici. Chi osservava la vita dei frati, comprendeva che erano spinti da un amore sovrannaturale e che avrebbero dato la loro vita per Gesù.
 
L’incontro si è concluso con una breve sintesi del presidente regionale, alcuni annunzi programmatici, nonché una sintesi dei lavori dell’assemblea nazionale MI  e la preghiera sulla famiglia, in sintonia con  i lavori del sinodo.
 
Ai partecipanti è stato distribuito il dvd di S. Massimiliano visionato e commentato in sala, per essere successivamente rivisto  nelle singole sedi.
 
Anna Maria Chiarello
Torna ai contenuti